Mal di schiena

Con il termine “mal di schiena” vengono incluse una serie di patologie molto diverse, che si manifestano con una sensazione di dolore avvertita nella regione posteriore del tronco.

A seconda della zona interessata, parleremo di cervicalgia, dorsalgia e lombalgia, accompagnate o meno da irradiazione agli arti.

All’origine del dolore ci sono alterazioni delle diverse strutture che compongono la colonna vertebrale (ossa, articolazioni, dischi intervertebrali) o che con essa contraggono rapporti (muscoli, legamenti, nervi).

mal-di-schiena

Tra i quadri più comuni troviamo:

  • Ernia del disco
  • Sindrome delle faccette articolari
  • Patologia dell’articolazione sacroiliaca
  • Stenosi del canale vertebrale
  • Sindrome del piriforme

La patologia dolorosa della schiena è molto comune tra la popolazione e se nella maggior parte dei casi si risolve spontaneamente, quando questo non succede è necessario innanzitutto arrivare ad una diagnosi accurata della causa scatenante il dolore e procedere con una terapia di tipo farmacologico, fisico e nei casi più seri interventistico.

La fisioterapia possiede un ruolo importante nelle problematiche rachidee quando il dolore è di origine prevalentemente meccanica e ha il compito di riportare il distretto interessato dal problema ad una condizione di equilibrio funzionale e di mettere in grado la persona, anche in presenza di alterazioni strutturali degenerative non modificabili, di sopportare il carico delle attività quotidiane.

Anche la sfera psicologica e quella sociale, spesso sottovalutate, hanno in realtà un ruolo importante nella comparsa del mal di schiena: stress, ansia ed altri problemi psicologici possono infatti aumentare il normale tono muscolare contribuendo alla comparsa del dolore: per questo motivo un inquadramento psicologico con eventuale terapia diventa un nuovo sostegno che integra e completa la cura medica.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: